5 Proprietà dei lupini che non conoscevi

5 Proprietà dei lupini che non conoscevi

Che cos’è il lupino?

Il lupino è una leguminosa da granella nota e diffusa fin dalla più remota antichità nel Bacino del Mediterraneo e nel Medio Oriente.

Le regioni italiane dove il lupino ha la maggior diffusione sono Calabria, Lazio, Puglia e Campania.

Il lupino è noto per la sua notevole adattabilità agli ambienti più ingrati, acidi e magri dove ogni altra leguminosa fallisce, per il suo potere di migliorare la fertilità del terreno e per la sua capacità di produrre una granella ricchissima di proteine (fin oltre il 35%).

Infatti i semi di lupino tuttavia contengono anche alcaloidi amari e/o velenosi che devono essere eliminati mediante prolungato lavaggio, affinché i semi possano essere adoperati nell’alimentazione umana o animale.

Caratteri botanici

I lupini coltivati in Europa appartengono a tre specie: lupino bianco (Lupinus albus), lupino giallo (L. luteus) e lupino blu o azzurro (L. angustifolius).

In Italia la sola specie interessante, perché la più adatta al clima e ai terreni prevalenti, è il lupino bianca.

Il lupino bianco è caratterizzato dai seguenti tratti: pianta annuale, eretta, alta fino a 1,5 m, poco ramificata, pubescente. Radice robusta, fittonante, che ospita numerosi tubercoli globosi prodotti dal Rhizobium.

Le foglie sono alterne, palmato-composte, cioè composte da un lungo picciolo alla sommità del quale sono inserite 5-9 foglioline intere ovate-lanceolate, glabre sulla pagina superiore, spesso vellutate su quella inferiore.

I fiori sono bianchi, grandi, vistosi, riuniti in racemi sulla parte terminale del fusto e delle ramificazioni.

Dopo la fecondazione, che è prevalentemente autogamia, si formano i legumi che sono lunghi, eretti, addossati all’asse del racemo, pubescenti, schiacciati, contenenti numerosi (3-6) semi.

I semi sono grandi, bianchi, lenticolari, di diametro fino a 15 mm, di peso variabile da 0,3 a 0,6 g per seme

Avversità

Avversità crittogamiche che possono recare serio pregiudizio al lupino sono i marciumi radicali (Fusarium spp., Rhizoctonia solani, Phythium debaryanum), favoriti dal terreno asfittico. Anche diversi virus possono attaccare questa specie

Proprietà

  1. I Lupini favoriscono la depurazione dell’organismo e l’eliminazione delle tossine e sono naturalmente privi di glutine.
  2. I lupini hanno un’ottima digeribilità e aiutano a prevenire la stitichezza e la sindrome dell’intestino irritabile.
  3. Il lupino previene la costipazione, le ragadi e le emorroidi.
  4. Il lupino favorisce il rilassamento dei vasi sanguigni, con conseguente riduzione arteriosa.
  5. I lupini impediscono l’assorbimento dei grassi a livello intestinale, con una conseguente riduzione dei livelli di colesterolo cattivo nel sangue.

Studio scientifico

Uno studio del 2016 ha scoperto che l’aggiunta di farina di lupini al pane a base di frumento apporti benefici al nostro corpo. Da quanto emerso il consumo di questo tipo di pane rispetto agli altri riduce i marcatori del rischio di malattie croniche.

Cosa contengono i lupini?

Ecco che cosa contengono i lupini:

  • Proteine
  • Fibre
  • Magnesio
  • Calcio
  • Ferro

I lupini sono ricchi di proteine e fibre, magnesio, calcio, ferro per l’assorbimento del ferro dei legumi è preferibile mangiarli col limone.

Tutti i commenti