Aloe: proprietà, cosa c'è da sapere

Aloe: proprietà, cosa c'è da sapere

L'Aloe (Aloe Arborescens Miller) è una pianta che ha tantissime proprietà benefiche, vediamo insieme di capire quali sono e perchè la sua essenza è così "miracolosa".

Aloe Arborescens Miller: caratteristiche della pianta

Aloe Arborescens Miller, comunemente detta Aloe a candelabro, ha un tronco di tipo legnoso, da cui si diramano diversi cespugli dalle foglie più sottili rispetto a quelle della più classica Aloe Vera.

È una pianta che può raggiungere sino ai 2 metri di altezza ed è originaria dell’Africa centro-meridionale. La pianta è attualmente diffusa in tutto il mondo, anche perché risulta particolarmente facile da coltivare, infatti è una pianta che esiste da ben 3500 anni.

È importante sottolineare che l’Aloe Arborescens possiede una concentrazione maggiore dell’aloe vera di tre volte.

Ma cosa contiene l’Aloe?

  • Zuccheri
  • Antrachinoni
  • Aminoacidi
  • Enzimi
  • Minerali
  • Vitamine
  • Acido acetilsalicilico

Prima di andare a scoprire le sue proprietà, è giusto capire da dove viene la pianta dell'Aole e qual'è la sua storia.

Cenni storici

La pianta presso gli Egizi

Nel papiro di Ebers questa pianta è stata consigliata come rimedio naturale.

Gli stessi Egizi hanno sostenuto anche che questa pianta donasse la capacità di conservare la bellezza, è stata infatti utilizzata dai sacerdoti egizi nelle imbalsamazioni, per la sua spiccata proprietà di mantenere la giovinezza.

L’Aloe Arborescens Miller nell’antica Cina

Nell'antica Cina la pianta dell’Aloe Arborescens è stata utilizzata come il rimedio caratteristico degli stati di disarmonia.

L’ Aloe Arborescens Miller nella cultura indiana

Nella filosofia indiana, dove la malattia è considerata la manifestazione di un blocco dell'energia vitale, questa pianta è stata ed è anche oggi, alla base di ogni terapia di evoluzione dell'anima.

L’ Aloe Arborescens Miller nella medicina Ayurvedica

Nella medicina Ayurvedica classica essa viene indicata come valido aiuto per l'eliminazione di funghi e parassiti, considerati come effetto di infestazione karmica.

L’ Aloe Arborescens Miller nella medicina greca

Ippocratene parla nel suo trattato sulle ustioni, dettagliando in maniera piuttosto precisa le capacità antinfiammatorie, disinfettanti e rigenerative dell'Aloe.

Anche Dioscoride ne parla nella sua Materia Medica, evidenziandone le sue proprietà medicinali per il trattamento di svariati disturbi, come ferite, disturbi gastrici, bruciature, emorroidi, affaticamento.

L’ Aloe Arborescens Miller nell’antica Roma

Plinio il Vecchio ha confermato le proprietà che aveva già descritto Dioscoride.

L’ Aloe Arborescens Miller nel Medioevo e nel Rinascimento

L’uso di Aloe Arborescens Miller è diventato di uso comune nel Medioevo e durante l’Epoca Rinascimentale.

Che cosa contiene nel dettaglio l'Aloe quindi?

L’Acemannano detto Aloe-mannano

Antrachinoni

Aloina-A

Amminoacidi

INOLTRE:

FOSFATASI: stimola il sistema immunitario, con azione analgesica

AMILASI: stimola il sistema immunitario, con azione analgesica

BRADICHINASI: antinfiammatorio, analgesico, stimolatore del sistema imm unitario

CATALASI: previene l'accumulo di acqua nel corpo

CELLULASI: interviene nella digestione della cellulosa

CREATINA: enzima a carattere muscolare

FOSFOCHINASI: precursore del metabolismo dei muscoli

LIPASI: migliora la prestazione degli epatociti

NUCLEOTIDASI: aiuta la digestione

FOSFATASI ALCALINA: aiuta la digestione

PROTEOL1TIASI: idrolizza le proteine

Acidi Grassi 

Minerali:

  • CALCIO: fattore essenziale per il metabolismo osseo, per le funzioni del muscolo cardiaco e dei muscoli in genere; catalizzatore per il metabolismo tiroideo.
  • MAGNESIO: essenziale per tutti i processi biochimici, interviene nelle funzioni di difesa nei confronti dei radicali liberi e presenzia la sintesi degli acidi nucleici (DNA e RNA) e delle proteine.
  • SODIO: fondamentale per il mantenimento delle funzioni enzimatiche, per il sistema nervoso e le funzioni cardiache.
  • POTASSIO: indispensabile per il normale accrescimento, per la funzionalità muscolare e per mantenere il ph dei liquidi corporei. Necessaria la sua presenza all'interno dei globuli rossi per il trasporto dell'anidride carbonica fino ai polmoni.
  • CROMO: fa parte dei minerali traccia, regola i livelli di zucchero nel sangue favorendo la produzione di insulina.
  • FERRO: importante per le sue funzioni antianemiche e per aumentare i livelli energetici nell'organismo.
  • MANGANESE fondamentale per lo sviluppo delle ossa, per la sintesi della tiroxina e per le funzioni riproduttive. Partecipa al metabolismo degli zuccheri ed è indispensabile per le funzioni cerebrali.
  • ZINCO minerale traccia che partecipa a oltre 200 attività enzimatiche. È Indispensabile nel la regolazione delle informazioni genetiche, mantiene anche la funzionalità delle membrane cellulare, ha proprietà antiossidanti.

Vitamine:

  • VIT.B1 o tiamina interviene nel metabolismo energetico cellulare, nei processi di crescita dei tessuti corporei e nella funzionalità del sistema nervoso.
  • V1T.B2 o riboflavina partecipa ai processi di respirazione cellulare e di rifornimento energetico dell'organismo.
  • VIT.B3 o niacina regola il metabolismo energetico.
  • VIT.B6 o piridossina interviene in tutti i processi di utilizzazione degli aminoacidi, nelle funzioni del sistema nervoso, al mantenimento della funzionalità della pelle.
  • V1T.C o acido ascorbico spiccata attività antiossidante e antiradicali liberi, partecipa alla crescita dei tessuti, alla guarigione di ferite, al buon mantenimento delle mucose, alla formazione di ossa e denti.
  • ACIDO FOLICO funzione antianemica; correlata con i processi di sintesi del DNA.
  • COLINA non è propriamente una vitamina ma ha importanti ruoli specifici di mobilizzazione e trasporto dei lipidi corporei e partecipa nella trasmissione degli impulsi nervosi come ingrediente essenziale dell'Acetilcolina
  • VIT.A o retinolo contribuisce alla stabilità delle membrane cellulari, al buon funzionamento della vista, della pelle; è antiossidante.
  • VIT.E o tocoferolo potente antiossidante, antinfÌammatoria, con funzione antinfettiva

Acido acetilsalicilico

L'Aloe riassumendo è importante perché:

  1. Stimola la produzione cellulare grazie agli aminoacidi che sono la base per la formazione di nuove cellule.
  2. Stimola il metabolismo fornendo energia, potenziando e riattivando le difese immunitarie.
  3. Disintossica e depura l’organismo attraverso il sistema digerente.
  4. Potente antinfiammatorio per affezioni come osteoartrite e artrite reumatoide.
  5. E’ un antibiotico naturale in grado di curare una vasta gamma di infezioni.

Nell'Aloe Arborescens si ritrovano maggiormente zuccheri monosaccaridi e polisaccaridi, tra cui spicca l'Acemannano o Aloe-mannano. Si tratta di una molecola costituita da una catena di molecole Mannosio e Glucosio, dove la sequenza di mannosio è dominante rispetto al glucosio.

La struttura biochimica della molecola di Acemannano gli permette di essere assorbita con estrema facilità dai villi intestinali.Lapresenza di molecole di Acemannano ad elevato peso molecolare giustifica la maggiore attività immuno stimolante dell'Aloe Arborescens.

L'Aloe Arborescens contiene 12 antrachinoniche rappresentano composti fenolici, i quali generano azione lassativa e favoriscono l'assorbimento delle sostanze nel tratto intestinale e hanno azione antimicrobica.

Il ruolo antimicrobico e antivirale è svolto da un composto glicoproteico contenuto sotto la scorza dell'aloe, l'Alocitin-Ao semplicemente Aloina-A.

Un'ulteriore attività benefica si è riscontrata su soggetti portatori di artrite. In questo caso non si è riscontrata risoluzione della malattia, ma forte riduzione dell'edema.

E' chiara l'azione antinfiammatoria ed analgesicadella porzione di Aloina-A della pianta.

L'Aloe Arborescens contiene i seguenti enzimi: 

Acidi con proprietà antifungine e antinfettive per la presenza dell'acido caprilico, acidi insaturi essenziali per la salute dell'organismo.

Tutti i commenti