6 buoni motivi per mangiare l'amaranto

6 buoni motivi per mangiare l'amaranto

L’amaranto è una pianta originaria dell’America centrale e comprende ben 60 specie, di cui solo 3 sono commestibili: Amaranthus caudatus, Amaranthus cruentus e Amaranthus hypochondriacus.

Veniva coltivato già dalle civiltà precolombiane ed era apprezzato per le sue proprietà nutrizionali ed energetiche tanto da definirlo “il grano degli Dei” e legarlo a cerimonie religiose.

Con l’arrivo dei Conquistadores ad inizio XVI secolo le coltivazioni di amaranto subirono un declino, non solo per lo sterminio della popolazione ma anche per una vera e propria strategia di conquista: imporre coltivazioni con sementi europee di maggior interesse per i colonizzatori e colpire la cultura religiosa locale sostituendola con quella cattolica.

La coltivazione di amaranto riprese a diffondersi solamente nel XX secolo, supportata dagli studi che ne dimostravano le elevate qualità alimentari. Tornò a diffondersi quindi in Sudamerica, negli Stati Uniti ma anche oltreoceano in particolare in Cina, Austria e Polonia.

Proprietà

I chicchi dell’amaranto, che corrispondo ai semi, sono molto piccoli e rotondi e lo rendono simile ad un cereale. In realtà, dal punto di vista botanico, è più corretto definirlo uno pseudo-cereale perché non appartiene alla famiglia delle Graminaceae.

L’amaranto è un alimento naturalmente glutine free ed è quindi adatto a chi soffre di celiachia. È ricco di minerali e vitamine. Si caratterizza per essere ricco di proteine dall’elevato valore biologico, la lisina è l’amminoacido che lo caratterizza maggiormente e lo differenzia dai cereali, che ne sono privi. Per questa alta concentrazione proteica è indicato per una dieta vegetariana o vegana ed è consigliabile abbinarlo a cereali e verdure.

Ecco quindi 6 motivi per inserire l'amaranto nella nostra alimentazione:

  1. Dona una grande dose di energia: come già sapevano le civiltà precolombiane, l’amaranto è un concentrato di energia per il nostro organismo. Ottimo quindi da consumare quando ci troviamo in un momento di stress, sia fisico che emotivo.
  2. È ricco di ferro: semi e foglie di amaranto sono entrambe molto ricche di ferro, ideali quindi per una sana alimentazione per combattere l'anemia. 
  3. Facilmente digeribile: è ricco di fibre ed essendo glutine free può essere consumato senza problemi anche da chi è celiaco.
  4. Tiene a bada il colesterolo: grazie ai fitosteroli contenuti nell’amaranto, è ottimo per combattere e abbassare i livelli del colesterolo cattivo (LDL) e aumentare quello buono (HDL).
  5. Riduce la pressione arteriosa: combatte l'ipertensione e le malattie coronariche.
  6. Ha numerose proprietà nutritive: è ricco di vitamine, minerali e proteine che forniscono all’organismo un nutrimento completo.

In cucina

Con tutti questi benefici non potete non inserire l’amaranto nella vostra alimentazione! È facile da cucinare (basta bollirlo) e si presta per realizzare primi piatti, crocchette o burger ma anche dolci. Dall'amarato si ricava anche un "latte" adatto anche ai più piccoli perchè facilmente digeribile.

L’amaranto è contenuto, insieme ad altri ingredienti, nella Barretta Benessere.

Tutti i commenti