Quinoa: la madre di tutti i semi

Quinoa: la madre di tutti i semi

La Quinoa (Chenopodium Quinoa Wild) è una pianta erbacea annuale, originaria del Sud America, della famiglia delle Chenopodiaceae, come gli spinaci e la barbabietola. È uno pseudo - cereale perché, pur avendo l’aspetto di un cereale, non appartiene alla famiglia botanica delle graminacee.

Coltivata già dalle popolazioni precolombiane, veniva chiamata dagli Inca “madre di tutti i semi”. All’epoca della conquista spagnola, come per altre colture, la quinoa subì un declino perché i conquistadores, per ragioni strategiche ma anche religiose, imposero altri tipi di coltivazioni a loro più congeniali e abituali. La quinoa riprese però ben presto ad essere coltivata perché l’ambiente andino è l’habitat ottimale per questa pianta. 

Esistono 200 varietà di quinoa, tra queste quelle più conosciute si distinguono in base al colore del seme: bianca, rossa e nera. Per quanto il suo consumo sia molto cresciuto, specialmente negli ultimi anni, è molto difficile trasportare la sua coltivazione fuori dall'ambiente andino perchè questa pianta risente molto di climi diffierenti. 

Proprietà

La quinoa è particolarmente apprezzata per le sue notevoli proprietà nutritive (viene infatti definita un superfood): i semi di questa pianta sono costituiti da carboidrati, proteine e lipidi, con una elevata quantità di acidi grassi polinsaturi, in particolare l’acido linoleico. I valori nutrizionali della quinoa includono anche sali minerali come ferro, magnesio, fosforo e calcio, e anche vitamine E, C e B2.

Per la nostra salute la quinoa è davvero un valido alleato: ricca di antiossidanti come i flavonoidi, ha effetti antinfiammatori, antivirali, antitumorali e antidepressivi. Grazie alla presenza di fibre aiuta ad abbassare la glicemia, il colesterolo e permette di diminuire il livello di trigliceridi. La vitamina E protegge i tessuti e le vene e aiuta a prevenire i rischi cardiocircolatori. 

Ha inoltre proprietà antiossidanti grazie alla presenza della trimetiiglicina che combatte l’omocisteina, un potente ossidante che genera radicali liberi, e grazie all’alto contenuto di proteine aiuta la funzione plastica della pelle e soprattutto il rinnovamento tessutale.

È adatta nelle diete dimagranti perché le fibre contenute favoriscono il senso di sazietà, consumabile anche da chi è celiaco perchè la quinoa è priva di glutine ed è anche adatta per chi soffre di diabete perché la lisina e la metionina aiutano il metabolismo dell’insulina. 

La Quinoa in cucina

La quinoa può essere facilmente inserita nella nostra alimentazione. Si cucina come un cerale, cuocendola in acqua bollente fino a quando non sarà gonfia e trasparente. Può essere utilizzata come primo piatto, condita con verdure e/o legumi, aggiunta a zuppe, oppure per cucinare polpette o crocchette vegetali o come ripieno per le verdure. Inoltre esiste anche sotto forma di farina ed è quindi utilizzabile per realizzare pane, dolci e biscotti.

Un’idea veloce per mangiare quinoa? La nostra Barretta Benessere!

Tutti i commenti